Anna Wintour eletta Dama della Regina

La fashionista più amata e più temuta nel fashionbiz, al secolo Anna Wintour, è stata invitata a Buckingham Palace per ricevere il titolo di Dama di Gran Croce dalla Regina Elisabetta. 

Anna Wintour, redattrice capo di quella che viene considerata la più importante rivista di moda al mondo per eccellenza, continua a far parlare di sé. Stavolta si tratta di una notizia largamente chiacchierata che ha aggiunto lustro, al suo personaggio, rendendola sempre più inavvicinabile. Al limite di una leggenda. La Wintour è stata nominata Dama di Gran Croce dalla Regina Elisabetta II in occasione della cerimonia, che si tiene con cadenza annuale a Londra, del New Year Honors.  L’insegna, ovviamente va da sé, che sia di gran prestigio. L’Eccellentissimo Ordine dell’Impero Britannico venne istituito da re Giorgio V il 4 Giugno 1917, con lo scopo di premiare coloro che nel Regno Unito e Commonwealth si siano distinte in ambito artistico, culturale, sportivo, economico, scientifico ed educativo.

Molti non sanno che la redattrice di Vogue America è nata e cresciuta a Londra. Con il suo stile sempre impeccabile contornato da un alone di mistero che la rende glaciale e inavvicinabile, la giornalista di moda più famosa al mondo si è presentata a Buckingham Palace con un perfetto cappotto rosa Chanel e scarpe in pendant. “Non riusciva a trovare un posto dove mettere la spilla” ha commentato così ai giornalisti la fashionista, aggiungendo di essersi congratulata con la regina del servizio reso al popolo dal Duca di Edimburgo Filippo, che andrà in pensione entro la fine del 2017.

Con il suo immancabile caschetto, ma senza occhiali da sole scuri stavolta, la Wintour non ha celato un sorriso di fronte alla premiazione. Classe ’49, Anna Wintour viene considerata l’essenza della moda, il critico e il giudice più autorevole nel suo campo, tanto da decretare – con i suoi sottili giudizi -  il futuro dei creativi e delle case di moda. Impenetrabile e fredda, si vocifera che la sua figura sia stata fonte di ispirazione per il personaggio di Miranda Priestley, la dispotica direttrice di Runway e protagonista del film Il diavolo veste Prada nel 2006.

Determinata e competente, la sua carriera inizia fin da subito nell’editoria, militando prima come assistente per la rivista Harpers & Queen, passando successivamente al ruolo di junior editor per Harper’ s Bazaar New York. La svolta nella sua carriera è stata, e continua ad essere da allora, nel 1988 quando Grace Mirabella lascia la direzione di Vogue America, cominciando quella che poi diventerà una nuova era per la rivista.

Dora Pennacchi