Copernicus banned

Questo libro propone una riflessione sul decreto anti-copernicano del 5 marzo 1616 in occasione del quattrocentenario della sua promulgazione. Decreto che condanna e proibisce libri eretici contrari alla divina scrittura sulla mobilità della terra e l’immobilità del sole, che anche insegnano Nicola Copernico nel De revolutionibus Orbium Coelestium.

Sono passati quattrocento anni da questo decreto, che anticipa di oltre quindici anni il processo dell’Inquisizione ai danni di Galileo Galilei, ma su certi accadimenti di rilievo così importanti, gli studi non possono fermarsi. Anzi, gli approfondimenti son in continuo divenire e sempre nuovi e attraverso questa raccolta di nove saggi in lingua inglese il quadro degli eventi che si delinea a livello storiografico può dirsi finalmente più prossimo alla completezza.

Adottando una prospettiva originale, il volume intende sottrarre gli eventi del 1616 dal cono d’ombra del processo a Galileo del 1633 e di fornire una lettura rinnovata dello stretto intreccio di elementi – culturali, filosofici, dottrinali, politici, personali – da cui scaturì la decisione dell’Inquisizione e l’affaire Galileo. I nove saggi qui raccolti completano l’immagine degli eventi delineata finora dalla storiografia, proiettando al contempo su di essa nuovi significati.

Miriam Santolini