In a Pink Bubble

Vi sentite un po’ persi nei pensieri? Se la risposta è sì, c’è un’alternativa: potete perdervi nella soffice bolla rosa di Giorgia Angiuli, un’artista che, dopo aver raccolto moltissimi consensi a livello mondiale, pubblica il suo primo disco In A Pink Bubble. Un lavoro diverso da quello che normalmente ci si potrebbe aspettare nel pensare ad una bolla rosa, perché è un disco di musica elettronica nato con l’obiettivo di rappresentare il particolare e difficile stato emotivo che stava attraversando mentre lavorava al disco. Reduce da un intenso tour che l’ha vista girare per il mondo ed un grave lutto, Giorgia ha ammesso di essersi sentita come in una bolla rosa, immersa tra i ricordi ed in bilico tra la vita artistica e quella reale: nel suo lavoro infatti si alternano le stesse luci ed ombre che l’artista ha vissuto, generando un disco energico e allo stesso tempo rilassante a tal punto che dopo averlo ascoltato, si ha quasi la sensazione di fluttuare in una bolla. Le 12 tracce mostrano una maggiore maturità artistica di Giorgia Angiuli che fonde la sua formazione di musicista classica alla profonda passione per l’elettronica. Una bolla rosa che non smetterà di fluttuare, facendocene parlare per tanto tempo.

Roberta Matticola