In viaggio per i Paesi Bassi

Non solo Amsterdam. I Paesi Bassi offrono luoghi incantevoli e attrazioni sorprendenti

A Utrecht merita sicuramente una visita l’innovativo The Green House, molto più che un semplice ristorante. Qui la parola d’ordine è ecosostenibilità: gli ingredienti freschissimi, a chilometro zero, provengono direttamente dall’orto urbano costruito sul tetto dell’edificio, completamente realizzato con materiali riciclati e altamente resistenti; anche il pagamento del conto è green: il ristorante accetta solo carte di credito, banditi i contanti.

Questo singolare progetto ha creato fra i trenta e i quaranta nuovi posti di lavoro e veicola un importante messaggio sociale: il 20% del personale è infatti costituito da uomini e donne che hanno recentemente perso il posto di lavoro e ai quali viene data la possibilità di rimettersi in gioco. L’edificio dispone inoltre di postazioni di workstation autonome, dedicate a chi necessiti di una base temporanea dove lavorare.

Per conoscere e ammirare Rotterdam da una prospettiva diversa, si segnala il tour della città attraverso la visita delle sue suggestive terrazze. Il tour è stato studiato e progettato da Esther Wienese, autrice del libro “Rotterdam Rooftops”, pubblicato nel 2017.

Nella cittadina di Oosterbeek è possibile visitare l’Airborne Museum “Hartenstein”, dedicato alla tragica battaglia di Arnhem del settembre 1944 che vide gli Alleati soccombere di fronte ai militari tedeschi. Nel museo, un tempo quartier generale britannico, è possibile rivivere in prima persona quel drammatico episodio.

I più avventurosi non potranno perdere la visita del Parco nazionale De Biesbosch, dove è possibile pernottare in un alloggio unico nel suo genere: si tratta di una casa galleggiante dotata di ampie e luminose vetrate che permettono di sentirsi totalmente immersi nella natura incontaminata del parco, visitabile con canoe e biciclette messe a disposizione degli ospiti.

Sulla costa settentrionale, affacciata sul Mare del Nord, si trova il magnifico Parco Nazionale delle Dune Olandesi, con le sue foreste, le distese di dune e i campi fioriti. Qui si possono svolgere le più svariate attività, dallo sport – come il surf e la corsa attraverso la natura selvaggia del parco dove è possibile incontrare cervi e daini – alle visite dei numerosi musei d’arte antica e moderna.

Non lontano da L’Aia, gli antichi canali del centro storico di Delft ci parlano ancora oggi del ricco e vivace passato della città, una delle più rappresentative del cosiddetto Secolo d’Oro, quel periodo corrispondente al XVII secolo durante il quale il commercio, le scienze e le arti dei Paesi Bassi furono tra le più acclamate del mondo.

Per gli appassionati di arte si segnala infine il tour dedicato al grandissimo pittore olandese Vincent Van Gogh, nato a Zundert nel 1853. Il “Tour nella terra nativa di Van Gogh: le radici del maestro” vi condurrà attraverso i luoghi più caratteristici della vita del pittore, svelandone curiosità ed episodi inediti.

Federica Picconi