La creatività che cambia il mondo

Lo zaino che ha dettato le regole di stile degli anni Ottanta e Novanta in America ed Europa, torna nella tanto attesa collezione Eastpak Artist Studio 2016, riuscendo come sempre a rendere la beneficenza creativa

Per un progetto deluxe di beneficenza ormai alla sua 6^ edizione ritroviamo l’iconico zaino Padded Pak’r Eastpak rivisitato e destrutturato da ben 12 stilisti internazionali. Stiamo parlando dell’ Eastpak Artist Studio 2016 e della sua collaborazione con l’associazione benefica Designers Against AIDS. Lanciata nel 2004, con sede in Belgio è una organizzazione non-profit che ha come obiettivo l’incremento della consapevolezza riguardo HIV e AIDS. Questa viene però ricercata in modo unico. Questo progetto vede infatti coinvolti alcuni dei più illustri talenti creativi del momento e la vendita benefica della loro arte sottoforma di  musica, design, moda.

In questo caso, per la collaborazione con Eastpak, i 12 designer coinvolti sono stati: Kenzo, Vetements, Christopher Raeburn, Nicopanda, Giambattista Valli, Ami Paris, Wanda Nylon, House Of Holland, Jacquemus, Alexandre Vauthier, Inan e Zeba Safdar, designer presso la Bucks New University in Inghilterra e vincitrice della Wildcard Competition Eastpak. Quest’ultima organizzata in collaborazione anche con Arts Thread ed aperta a studenti e neolaureati di Fashion and Textile Design di tutto il mondo.

Non è un caso che abbiamo definito l’Eastpak Artist Studio come un progetto deluxe. I 12 zaini sono pezzi unici che sono già dal 1 Dicembre in vendita all’asta online in occasione proprio della Giornata Mondiale contro l’AIDS e l’intero ricavato delle vendite viene come ogni anno destinato appunto a Designers Against AIDS.

Zeba Safdar e la sua creazione ispirata alla pelle dei rettili e l’idea dell’adattamento e del camouflage. La giovane designer ha scelto di creare uno zaino utilizzando materiali e tecniche di produzione innovative, incluso un rivestimento di PVC shell, dettagli cuciti a mano e spallacci intrecciati.Il risultato finale spinge verso l’idea di essere sicuri nella propria pelle, distinguendosi senza paura.

Gli altri 11 zaini presentati sono stati quello di Ami Paris ispirato alla sua collezione A\I 2016 svelata durante la Settimana della Moda Uomo di Parigi ed è riuscito a catturare tutta la magia di Parigi, la “Città delle Luci” di notte. Wanda Nylon si è invece ispirata alla fredda luce al neon simbolo di che vuole riflettere  l’immaginazione di un futuro astratto. Kenzo è funzionale e sorprendente. La creazione di Humberto Leon e Carol Lim per Eastpak Artist Studio è un collage delle forme inconfondibili di Eastpak, a cui è stata aggiunta la saturazione di un mix delle iconiche stampe di Kenzo e dei suoi elementi di design. Il risultato è un zaino che riflette moltissimo l’identità di entrambi i brand. House of Holland ha utilizzato una finta pelliccia con una stampa colorata ed audace impreziosita da insetti gioiello applicati a mano. La creazione di Jaquemus è un patchwork. Il leggendario zaino Padded Pak’r® è stato decostruito e assemblato come fosse una sfera. La creazione di Giambattista Valli è realizzata con materiali esclusivi come il fine guipure svizzero color champagne, rifinito con crinolina e con un manico impreziosito da un ramage di cristalli. Alexandre Vauthier ha scelto invece di integrare la pelle di montone argentea utilizzata per una serie di giacche da aviatore per la sua collezione A/I 16-17 ad un tocco giocoso con elementi di lana e il finish iridescente. Inan utilizza la felpa come elemento centrale del suo pezzo da collezione con un forte richiamo allo street style ed alla giovinezza dell’artista, figlio di lavoratori turchi in Germania. Vetements presenta una creazione dal design oversize come gli spallacci ed il manico esageratamente grandi che se visti da dietro prendono la forma di un fiocco rosso, simbolo universale della solidarietà per chi soffre di HIV/AIDS. Christopher Raeburn opta per una produzione a zero sprechi. Il suo classico zaino “Remade Orangutan” incarna perfettamente le passioni, la visione e i risultati sostenibili condivisi anche da Eastpak.
Infine, lo zaino Nicopanda è ispirato all’inclusione universale, all’amore, al divertimento e alla comunità LGBTQ con i suoi colori arcobaleno e la testa di panda multifunzionale.

Eastpak Artist Studio non è però solo una vetrina per i più celebri designer al mondo e quelli giovani che vogliono emergere. È soprattutto un’occasione per fare del bene attraverso l’arte, la creatività e il divertimento.

E voi, dopo aver visto queste creazioni, quanta creatività pensate possa contenere uno zaino?

Irene Di Costanzo