La creatività della generazione Z

Gabel ha coinvolto gli studenti del Centro Studi Casnati di Como nella progettazione della nuova collezione della linea “Teen”.

Il Gruppo Gabel, da sempre sinonimo di eccellenza e qualità nel campo della biancheria per la casa, è detentore oggigiorno dei quattro marchi: Gabel 1957, Somma 1867, Pretti e Vallesusa. Ognuno progettato per ambienti differenti e indirizzato a consumatori con attenzioni ed esigenze diverse.

Gabel, azienda di famiglia fondata nel 1957 dalla quale tutto ha avuto origine, si propone come leader sul mercato per l’innovazione, stile e utilizzo dei colori. Di stagione in stagione, anticipa le tendenze nel campo tessile per l’arredamento e il design con proposte uniche e ricche di estro.

Il marchio Somma 1867 da oltre 150 anni rappresenta l’eccellenza della manifattura. Le sue radici affondano nella raffinatezza, nel gusto e nella cura dei dettagli tipici del “Saper fare” tutto italiano.

Pretti è invece improntato sui prodotti pensati per il bagno come asciugamani, salviette e accappatoi, tutti accumunati dalla sperimentazione materica e cromatica per quanto riguarda i tipi di spugne di cotone impiegate.

Infine Vallesusa (lo storico marchio fondato nel 1800 e acquisito nel 1976) è indirizzato al comparto della tavola e della cucina. Negli anni è diventato famoso e apprezzato grazie alle sue tovaglie realizzate con tessuti e finissaggi innovativi come il trattamento antimacchia e antigoccia.

I quattro brand che compongono la storia del Gruppo Gabel, offrono ai propri consumatori il vero “Made in italy” possibile solo con il controllo di tutte le fasi della produzione: dalla filiera tessile alla scelta delle fibre passando per la tessitura, tintura, stampaggio e confezione. Tutto ha inizio nello stabilimento di Buglio in Monte in provincia di Sondrio e si conclude a Rovellasca, nella provincia di Como.

Il Gruppo Gabel, molto attento all’impatto ambientale della propria produzione, si impegna ad utilizzare solamente energie provenienti da fonti rinnovabili per rendere l’impresa eco-sostenibile e certificata; avendo inoltre una particolare attenzione alle persone coinvolte, ai luoghi e alle materie prime prive di qualsiasi sostanza nociva per la salute dell’uomo e dell’ambiente.

Tra le ultimissime novità vi è la collaborazione tra il Gruppo Gabel e il Centro Studi Casnati di Como. Dopo una serie di incontri in azienda e nelle aule del liceo artistico, compiuti per presentare la realtà lavorativa, spiegare al meglio l’intera filiera produttiva e condividere le principali linee guida del progetto stilistico; gli studenti sono stati invitati ad ideare, attraverso un processo di conoscenza e di sperimentazione, della biancheria per la camera da letto indirizzata ai consumatori più giovani. Nasce così la linea Teen, disegnata appunto dai teenager per i ragazzi e le ragazze della loro stessa età; la collezione verrà svelata a settembre e commercializzata sul mercato italiano nella prossima primavera.

Chi meglio della Generazione Z (post Millennials), può leggere e conoscere il linguaggio dei propri coetanei?

Matteo Turati