La Repubblica Dominicana e i suoi tesori

Situata nella parte orientale di Hispaniola, una delle maggiori isole delle Antille, la Repubblica Dominicana è una delle mete preferite del turismo tropicale: quattrocentodue chilometri di spiagge bianche, splendidi paesaggi, meravigliosi resort, buon cibo, cultura, musica e divertimento fanno di questo gioiello situato nel cuore dei Caraibi la destinazione ideale per una vacanza indimenticabile

Cinquecentoventicinque anni fa Cristoforo Colombo fondava nel territorio dell’attuale Repubblica Dominicana il primo insediamento europeo delle Americhe. L’isola di Hispaniola diventava così colonia spagnola, fino a raggiungere, dopo travagliate vicende, l’indipendenza definitiva nel XIX secolo.

Nell’immaginario collettivo si è soliti identificare l’area dei Caraibi con il mare e le spiagge ma la Repubblica Dominicana ha molto altro da offrire. Il territorio, prevalentemente montuoso, presenta una topografia estremamente diversificata: vallate, foreste, parchi nazionali marini e montani, fiumi e cascate, antiche grotte, freddi boschi di conifere, richiamano ogni anno milioni di visitatori, affascinati da tanta ricchezza paesaggistica.

Una prima meraviglia da segnalare è la località termale di Mata de Maíz, nella parte sud-occidentale del paese, presso il comune di Polo. Qui è possibile rilassarsi nelle splendide acque turchesi, circondati da montagne e da una foresta, casa di numerose specie di uccelli.

Nel comune di Cabrera, la fiabesca Laguna El Dudu, completamente immersa nella foresta tropicale, è formata da una serie di stagni d’acqua dolce dalle fantastiche sfumature del verde e del blu. Meta di speleologi e amanti degli sport avventurosi, nella Laguna è possibile praticare kayak, immersioni subacquee, e godersi il panorama dall’alto con una zipline sospesa a otto metri di altezza. E per un tuffo rigenerante in mezzo alla natura non dimentichiamo le splendide acque di Cola de Pato, nella provincia di Espaillat.

Tra le più spettacolari attrazioni del paese le Cascate di Jima, situate a Bonao, nel cuore della Repubblica Dominicana, e la Cascata di Arroyo Grande, nella provincia di Espaillat.

Nella parte sud-occidentale del paese è possibile ammirare le Dune di sabbia di Bani, venti chilometri quadrati di valli e montagne sabbiose che si innalzano fino a trentacinque metri. L’area, dichiarata protetta nel 1996, è ricca di flora e fauna.

Splendido punto panoramico, la Montagna Redonda, nella provincia di El Seibo, offre una vista mozzafiato sulla baia di Samanа e sulle lagune di Redonda e di Limon. L’area è attrezzata di altalene e amache sulle quali godersi comodamente lo spettacolo.

La Confluencia, situata a soli dieci minuti dal centro di Jarabacoa, è un parco dove i fiumi Jimenoa e Yaque del Norte si incontrano creando piccole piscine tra le rocce. Ideale per una  tranquilla giornata in famiglia, nel parco è possibile fare passeggiate a cavallo e rifocillarsi con un picnic sull’erba. Da menzionare anche il Parco Ecologico Humedales de Nigua, nella provincia di San Cristуbal, una  ricchissima riserva naturale che ospita oltre cinquanta specie di uccelli, una grande varietà di rettili e numerose piante.

La Grotta Fun Fun, situata nel Rancho Capote, è la più grande dei Caraibi e si estende per circa 6 km sottoterra. Al suo interno è possibile ammirare, oltre a stalattiti e stalagmiti, fiumi sotterranei e antichi dipinti rupestri. Di fronte alla Laguna di Cabarete, punto di riferimento per gli appassionati di birdwatching, è possibile ammirare le omonime Grotte un tempo abitate dagli Indiani Taino.

E ovviamente…le abbiamo lasciate per un attimo da parte, ma non si può concludere senza menzionare le spettacolari spiagge dominicane.

Tra le più belle si ricordano Playa Bonita, nella Penisola di Samaná, adatta alla balneazione ma anche a sport acquatici quali surf, kitesurf, SUP, canoa o body board; Playa Diamante, a Cabrera, più adatta alle famiglie per le sue acque basse e sicure; Bahia de Las Aguilas, nella provincia di Pedernales, considerata da molti la spiaggia più bella di tutta la Repubblica Dominicana; e infine il piccolo isolotto Isla Cabra, non lontano dalla costa di Montecristi. Sabbia bianca, acque turchesi e alte palme di cocco sono il comune denominatore di questi paradisi.

Federica Picconi