Le diete folli delle star

Geniali o puramente assurde?

L’estate si avvicina e la prova costume inizia a diventare una vera preoccupazione per noi comune donne. Ma non è ancora troppo tardi perché la primavera è uno dei momenti dell’anno migliori per provare una dieta sana ed equilibrata, magari associata ud una buona attività fisica.

Per trovare una dieta che faccia al nostro caso non basta collegarsi in rete e digitare le parole “iniziare una dieta”, state molto attente a non cadere nelle “folli e pazze diete” delle star americane.

Vegane, macrobiotiche, organiche, “dukaniste”, crudiste, ce n’è per tutti i gusti. Se di gusto si può parlare. Alcune, però, sono davvero assurde.  Come la dieta del ghiaccio o quella degli omogeneizzati. O ancora la dieta dei micropasti, che resta – pericolosamente – al di sotto delle 600 calorie al giorno. Quelle, per intenderci, che una persona normale assume con la sola colazione.

Tra le diete più incredibili che i media hanno citato sui media mondiali ricordiamone alcune.

La dieta del ghiaccio di Renee Zellwegger, che consiste, prima di ogni pasto di ingerire alcuni cubetti di ghiaccio per aumentare il senso di sazietà; ovviamente a rischio congestione!

Ed ancora la dieta delle uova sode di Nicole Kidman. Si racconta che ai tempi delle riprese di Ritorno a Cold Mountain, l’attrice si nutrisse di 5 uova sode al giorno; una dieta dannosissima che i nutrizionisti hanno sconsigliato.

La dieta degli omogeneizzati o “Baby food diet” di Reese Whiterspoon e Jennifer Aniston che prevede l’assunzione di sei mini pasti a base di omogeneizzati di frutta, verdura, carne e pesce durante il giorno. Il parere del nutrizionista: un’alimentazione di questo tipo finisce per diminuire in modo importante l’attività dell’intestino.

L’affascinante Uma Thurman è una sfegatata crudista, l’attrice non cuoce nulla, mangia solo cibi crudi. Si dice che sia una dieta troppo selettiva, perché bandisce in toto tutti quegli alimenti che andrebbero per forza cotti, come i legumi e le proteine animali.

La dieta dei micropasti di Angelina Jolie, l’attrice si nutre con piccoli spuntini, che si concludono prima delle 20 di sera e non supera mai le 600 calorie al giorno. Pericolosamente ipocalorica: una donna normopeso dovrebbe stare sulle 1500-2000 calorie giornaliere.

L’assurda dieta dei colori di Christina Aguilera che ingerisce ogni giorno solo cibi dello stesso colore.

La dieta «Cut the C.R.A.P.» di Elle Macpherson. Banditi  caffeina, cibi raffinati, alcool, zuccheri artificiali e prodotti alimentari trasformati;mi permetto di dire, forse, LA Più SENSATA!

La dieta del salmone della ex Spice MelB che scorpaccia salmone a colazione, pranzo e cena: al decimo giorno crescono le pinne.

La dieta 5:2 di Jennifer Lopez:  la cantante mangia qualsiasi cosa per cinque giorni, salvo poi digiunare completamente o quasi nei restanti due giorni. Troppo sbilanciata.

Ed infine la dieta del “Mi sfondo a colazione, poi digiuno”  di Kelly Osbourne: la figlia di Izzy ha confessato di aver perso tantissimi chili abbinando alla palestra un regime alimentare che le permetteva di mangiare quel che voleva solo la mattina a colazione (anche la pizza); poi pranzo e cena a stecchetto. Dieta schizofrenica.

Credo che la risposta a tutto nella vita, persino in una dieta alimentare, sia EQUILIBRIO, parola che certamente non fa rima con celebrità.

Giusy Lavia