Le mostre da vedere a Roma nel mese di settembre

In attesa delle esposizioni autunnali che porteranno nella capitale le opere di grandi artisti, ecco alcune rassegne da non perdere

Sarà un autunno di grandi mostre a Roma con le già annunciate Andy Warhol e Pollock al Complesso del Vittoriano, “Pixar 30 anni di animazione” ,  “Piero Tosi esercizi sulla bellezza” e “Giappone a Colori” al Palazzo delle Esposizioni. A seguire la mostra multimediale “Impressionisti Francesci – da Monet a Cézanne” al Palazzo degli Esami; mentre al Chiostro del Bramante arriverà “Dream – L’arte incontra i sogni”, che completerà la trilogia ideata e curata da Danilo Eccher, dopo “Love. L’arte incontra l’amore” (2016) e proseguita con “Enjoy. L’arte incontra il divertimento”.

Nell’attesa però, non mancano di certo le occasioni nella capitale per fare un’immersione nella cultura. Ce ne sono davvero per tutti i gusti e ne abbiamo selezionate alcune: dall’11 settembre al 14 ottobre 2018 il Palazzo delle Esposizioni ospita l’esposizione “Sergio Ceccotti. Il romanzo della pittura 1958-2018” (ingresso libero allo Spazio fontana), 40 opere che ripercorrono i sessant’anni di attività del fortunato antesignano della figurazione italiana contemporanea, lungimirante erede della metafisica dechirichiana e del realismo magico.

Ci sono pochi giorni invece per vedere “Risonanza cinese” all’Ala Brasini del Complesso del Vittoriano; quest’ultima sarà visibile fino al 9 settembre, un’occasione unica per ammirare per la prima volta a Roma i grandi capolavori contemporanei della pittura a olio cinese. Lo stesso complesso accoglierà dal 7 al 23 settembre la monografica dell’artista aretina Marcella Mencherini. “Visioni”, la quale racconta in 29 opere una personale interazione di struttura e spazio, un mondo onirico e un universo artistico espressione di pensieri che prendono forma, si concretizzano in immagini che trovano fondamento nel linguaggio aeropittorico.

Fino al 23 settembre è possibile vedere nel Nuovo Spazio Espositivo del Museo di Roma la mostra “Canaletto 1697-1768”, una mostra dedicata al grande pittore veneziano con 68 opere tra dipinti  disegni e documenti, inclusi alcuni celebri capolavori.

Il Museo dell’Ara Pacis, fino al 7 ottobre, ospita “Walls. Le mura di Roma. Fotografie di Andrea Jemolo”, un percorso che documenta e valorizza in sorprendenti immagini un monumento che e fa parte della quotidianità dei romani. Le Mura Aureliane con gli oltre 12 km sono il più grande monumento della Roma imperiale e la cinta muraria urbana più lunga, antica e meglio conservata della storia.

Al Museo di Roma in Trastevere la rassegna “Josef Sudek: topografia delle macerie. Praga 1945”, che in 40 immagini inedite documenta il doloroso passato della città di Praga attraverso lo sguardo del fotografo ceco. Alla Casina delle Civette (Museo di Villa Torlonia) ci si immerge nel “Bosco magico. Gli alberi sciamanici di Paolo Martellotti” (fino al 30 settembre). Una vera simbiosi tra le opere dell’artista e la natura del museo, situato in un giardino ricco di verde. Alla Galleria d’Arte Moderna fino al 23 settembre è possibile vedere l’installazione dell’artista pakistano Amin Gulgee che ha fatto della laicità e della poesia una forma d’arte intitolata “7”.    

Gianna De Santis