Luci della ribalta anni Ottanta

La riedizione Stilnovo dell’iconica lampada da tavolo.

“Una persona, una figura, una qualche cosa, piega un po’ la testa da un lato per meglio osservarla. Quella piega, diagonale rispetto alla configurazione dell’insieme, ne caratterizza l’espressione e ne determina la funzione.

È quel “qualcosa” che Castiglioni chiamava la componente principale di progettazione.

La lampada “Piega”, appunto”. (Giorgio De Ferrari, Designer Piega)

Queste le parole usate da Giorgio De Ferrari per parlare della “sua” Piega, lampada icona di Stilnovo presentata nella sua nuova veste al Bookstore del MUDEC. 

Una lampada da tavolo progettata dal designer Giorgio De Ferrari nel 1984 e proposta oggi in un progetto nuovo che non intacca quello originario, perché se la geometrica icona resta la stessa negli anni ecco che si adegua ai giorni nostri da un punto di vista illumino-tecnico: una luce led direzionata che le dona una nuova estetica abbinata al comfort, per l’utilizzatore che vede direzionata la luce esattamente su ciò che vuole sia illuminato.

Una lampada dalla geometria studiata che pone l’accento su ciò che ha bisogno di essere illuminato, progettata con una mentalità industriale e quindi accessibile a tutti. 

Una realtà del design 100% Made in Italy.

Un’icona per l’azienda d’illuminazione Stilnovo, noto brand dominante la scena tra gli anni Cinquanta e Ottanta, che propone la garanzia e la bellezza degli elementi d’arredo del passato in chiave moderna. Questo grazie al lavoro congiunto dei grandi maestri del design italiano insieme ai nuovi talenti, per garantire l’eccellenza dell’innovazione italiana al passo con i tempi e di possibile individuazione in tutto il mondo.

Per questo la riedizione di Piega si avvale del lavoro di Giorgio De Ferrari, suo ideatore, e dell’esperienza della color designer e massima esperta di cultura del colore Francesca Valan che ha verificato la scelta dei colori di De Ferrari affinché rispecchiassero il periodo storico della sua creazione.

Tre i colori utilizzati per il fusto: nero, bianco e giallo – simbolo cromatico degli anni Ottanta – con finitura opaca. Se il nero e il bianco ben si adattano ai nuovi spazi e alla possibile compresenza di diversi elementi in uno stesso luogo rendendola più mimetica, il giallo la fa diventare un accento cromatico nello spazio.

L’eccellenza dell’originalità italiana che guarda al passato come continua fonte d’ispirazione per un futuro all’avanguardia. 

Eva Di Lorenzi

01_Piega_Stilnovo 04_FrancescaValan_ColorDesigner 03_GiorgioDeFerrari_02