Macbeth al cinema

In diretta dalla Royal Opera House.

Mercoledi 4 aprile alle 20.15 al cinema Barberini è andato in diretta via satellite dalla Royal Opera House di Londra il Macbeth di Giuseppe Verdi, decimo appuntamento di una serie di opere e balletti trasmessi live su oltre 1500 schermi cinematografici in tutto il mondo. Lo spettacolo è una precedente ripresa di un allestimento del 2002 ideato da Phyllida Llyod che torna a dirigere una delle opere liriche più proposte dal repretorio di genere, andata in onda per la prima volta nel 1847 e dopo un periodo di oblio tornata in auge nella seconda metà dell’ 900. E’ con la sua decima opera lirica che Verdi esprime il suo amore per l’opera di Shakespeare, poi riproposta anche in occassioni anche nelle composizione del “Falstaff”, dell’Otello” e dell’incompiuto “Re Lear”.

Per il Macbeth però Verdi aveva un’ammirazione particolare, in quanto riteneva la tragedia “una delle più grandi creazioni umane” e si accinge cosi insieme al librettista Farancesco Maria Piave nella non facile operazione di ridurre in quattro atti una delle opere teatrali più rappresentate di sempre. Il risultato è un libretto che ancora oggi è capace di restituire le atmosfere nefaste che avvolgono i destini di Macbeth e della sua consorte, nel tentativo fallito di inseguire un’ambigua profezia e impradronirsi del trono di Scozia. Ma l’universalità della storia raccontata da Shakespeare si offre a molteplici riletture visive che esulano dal contesto storico culturale originario, ed è il caso di questo adattamento riproposto a sedici anni dall’allestimento originale. Se infatti tradizionalmente l’opera di Verdi esaltava il carattere oscuro della tragedia, questa oscurità viene reinterpretata dal production e costume designer Antony Ward, che progetta un apparato scenografico piuttosto essenziale sui cui si muovono persoanggi visivamente ispirati ad un immaginario esotico, con espliciti richiami alla cultura del lontano oriente, soprattutto nei costumi dei protagonisti maschili e negli oggetti di scena. Anche il demone che profetizza a Macbeth la sua caduta ha le sembianze di una statua giapponese mentre le streghe indossano delle tuniche con a classica allacciatura laterale degli abiti della tradizione orientale. Tutto ciò innestato sulla scelta di rimanere vicini allo spirito lugubre e tenebroso che caratterizza il dramma e che si traduce nell’adesione a una palette cromatica sempre scura, su cui spiccano gli accenti dorati riservati però alla connotazione delle figure regali: Re Duncano prima e i due protagonisti poi, nel momento in cui dopo aver orchestrato il delitto del re ascendono al trono e fanno il loro ingresso in luminosissimi costumi laccati in oro.

Macbeth e la sua signora sono rispettivamente interpretati da Zeljko Lucik e Anna Netrebko, mentre l’orchestra è diretta da Antonio Puppano. Macbeth è l’undicesimo appuntamento nel cartellone della stagione 2017/2019 della Royal Opera House a essere distribuito su scala mondiale dalla Nexodigital ed è solo uno degli esempi della pratica ormai diffusa di proiettare al cinema adattamenti teatrali e soprattutto opere liriche, genere sicuramente meno conosciuto che in questo modo può beneficiare di una fascia di pubblico ben più vasta. La lirica rappresenta infatti una pietra miliare della cultura musicale italiana ma sembra venir apprezzata molto di più all’estero, dove le produzioni teatrali sono disposte ad investire risorse anche cosistenti, a differenza dell’Italia, dove anche a causa del disinteresse nei confronti del genere da parte dei giovani i teatri contano su un pubblico molto più ristretto. Occasioni come quella proposta dalla Royal Opera House sono quindi da cogliere al volo, anche perché consentono con un biglietto niente affatto proibitivo di avvicinarci ad un genere che conosciamo poco ma che dovremmo riscoprire, ed essere sempre più in grado di valorizzare.

Elena Guardiani

SCHEDA DEL FILM

Titolo originale: Macbeth

Regia: Phyllida Llyod

Genere: Opera Lirica

Durata: 180’

Data di uscita: 4 aprile 2018

Nazione: Inghilterra

 

 

ROH_MACBETH_POSTER_100x140[1]