Nel paradiso della biodiversità

La Lamar Valley: un gioiello di biodiversità nel Parco di Yellowstone

Il Parco Nazionale di Yellowstone è il più antico d’America, nonché uno tra i più grandi, e presenta splendidi paesaggi che hanno conservato per secoli il proprio fascino incontaminato.

Il Parco si estende in una vasta zona degli Stati Uniti nord-occidentali, in un’area al confine fra Wyoming, Idaho e Montana.
Si tratta di una zona particolarmente variegata in termini di biodiversità: madre natura è stata, infatti, straordinariamente generosa con questa regione, nella quale si trova la più grande concentrazione di mammiferi dei 48 Stati continentali contigui.

Oltre la metà dei geyser al mondo, aree idrotermali, laghi cristallini, solfatare, impetuose cascate, magnifici canyon e non solo: Yellowstone racchiude in sé un paesaggio di rara bellezza e meraviglie che difficilmente si concentrano nel medesimo posto.

Spesso si tende erroneamente ad attribuire minore importanza alle valli che si trovano in questo paradiso naturale: la Hayden Valley e la Lamar Valley.
Lontana dalla folla di Old Faithful o del Grand Canyon dello Yellowstone, quest’ultima viene ormai definita la “Serengeti del Nord America”.

Attraversarla in macchina, preferibilmente a passo d’uomo, equivale a fare un piccolo safari fra la fauna nordamericana e ad immergersi in un’avventura alla scoperta di luoghi suggestivi, alla quale dedicare minimo due giorni, durante i quali portare con sé un binocolo è essenziale, data l’elevata probabilità di avvistare animali.

Vi si trovano orsi, cervi, alci, antilocapre, lupi, puma, coguari, rapaci e molti altri esemplari di animali selvatici, ma a dominare il territorio sono i bisonti, che stanziano nella valle in tranquillità, senza dare troppo peso alla presenza dei turisti.
È, inoltre, consigliabile munirsi di cibo, acqua, di una cartina del parco e dello spray anti-orso.

Nonostante sia relativamente accessibile, questa località è fuori dai percorsi classici dello Yellowstone, ma offre, tuttavia, la possibilità di svolgere varie attività: nel cuore della valle si trova il Lamar Buffalo Ranch, aperto nel 1907 allo scopo di preservare uno degli ultimi branchi di bisonti americani, è possibile praticare la pesca-a-mosca lungo gli specchi d’acqua e sono presenti vari percorsi per gli amanti dell’hiking.

Insomma, visitare la Lamar Valle è un’esperienza unica nella vita, intima, all’insegna della meraviglia ed a stretto contatto con la natura.
È la meta ideale per chi desidera sgranare gli occhi di fronte a paesaggi degni del National Geographic.

Giorgia O. Onifade