Oltre le barriere dei generi

VictorVictoria è la moda “colta” che trasmette una filosofia prima ancora di un’estetica.

Opposti che si confrontano, due universi che lavorano in parallelo, ma che riescono a capovolgere le regole geometriche ed incontrarsi in un punto per raccontare la storia contemporanea.
Maschile e femminile si confondono e si contaminano a vicenda. Oggi sono sempre più eterei i confini che per secoli hanno tenuto separati i generi e ne hanno messo in evidenza le forti differenze.

VictorVictoria è il marchio che gioca su questo sistema binario di generi, avventurandosi in un nuovo equilibrio che esalta le corrispondenze e annebbia le diversità. Nato alla fine degli anni Ottanta e lanciato di nuovo nel 2016 da Sergio Tegon, il progetto creativo di questo brand si affida ad un design minimale per descrivere le novità di un’epoca come quella attuale con assoluta semplicità e chiarezza. L’atemporalità dei capi proposti assicura una certa attenzione verso forme e tagli classici, ma si serve anche di piccole rivoluzioni creative che avanzano nuove identità, nuovi stili, più moderni e trasversali.
L’estetica che ne deriva è pulita, priva di eccessi e stravaganze che allontanano dal messaggio principale, vicina, invece, al minimalismo contemporaneo degli anni Novanta che suggerisce l’appartenenza di uomini e donne ad un universo che li vuole allo stesso livello. Simbolo di questa complementarità è la camicia bianca che rappresenta le analogie fra i due mondi nella condivisione dei materiali e delle attitudini, ma che sa anche renderne personale l’utilizzo maschile o femminile con peculiarità che appartengono distintamente ai due guardaroba.

Il progetto di VictorVictoria affianca a questa idea di moda così attuale un prodotto ricercato anche nei materiali, nelle stampe, nella qualità che lo determina. Quasi come se si trattasse di un vero e proprio laboratorio, il marchio elogia la sartorialità, lo studio minuzioso delle tecniche  che stabiliscono il valore di un capo, la consistenza dei tessuti che rendono la collezione una certezza durevole in fase di acquisto. Gli archivi delle più grandi imprese del panorama italiano sono stati una fonte di ispirazione imprescindibile ed essenziale perché si riuscisse a raggiungere un alto livello produttivo.

Ogni look e ogni capo – dal trench al blazer, dal pantalone alla maglieria fino ad arrivare agli accessori pensati anche come limited editions per arricchire le combinazioni – appaiono ricchi nei tessuti e nelle confezioni e funzionali nelle forme. Eppure la vera protagonista di queste collezioni è la stessa che assicura internazionalità al brand: la personalità, l’anima, l’immaginario che abbatte le barriere dei generi.
In momento storico in cui la moda ha visto tutto e di tutto, a fare la differenza sono i marchi “colti”, che nascono con un progetto comunicativo prima ancora che produttivo, che costruiscono il proprio successo a partire da una filosofia da trasmettere e che resta inalterata nel tempo come un pilastro a sostenere i cambiamenti di stile.

Nina Mulas

VVA_FW1617_CAMICIA VVA_FW1617_FELPA