Budino di tapioca al cocco e lime

Ricetta per 6 persone.

Il budino di tapioca al cocco e lime è una ricetta ispirata ai sapori dei caraibi e dalla tradizione latino-americana; un dolce perfetto da condividere, per far viaggiare e stupire i vostri invitati.

La tapioca è un alimento derivato dal tubero della manioca, è insapore e inodore e questa sua particolarità la rende perfetta per l’utilizzo sia in ricette dolci che salate, come ad esempio le zuppe.

Fra i tanti vantaggi della tapioca non posso non citare il suo potere gelificante e il fatto che sia un alimento totalmente senza glutine. 

In questa ricetta utilizzerò la tapioca in perle, da non confondere con la farina che viene utilizzata invece per ricette come crêpes e pane.

Ingredienti:

  • •500 ml di latte parzialmente scremato
  • •400 ml di latte di cocco 
  • •75 gr di zucchero di canna
  • •Scorza di un lime
  • •2 cucchiaini di cannella in polvere
  • •1 pizzico di vaniglia in polvere
  • •60 gr di tapioca in perle

Indicazioni: 

  1. 1.Versate tutti gli ingredienti, tranne la tapioca, in un pentolino; mescolate e attendete che il composto raggiunga la temperatura di ebollizione.
  2. 2.Aggiungete la tapioca nel composto mentre bolle e abbassate il fuoco; vedrete che le perle piano piano inizieranno a gonfiarsi: continuate a cuocere e mescolare per 10 minuti.
  3. 3.Non appena pronto versate il budino nei recipienti e lasciatelo raffreddare per almeno 30 minuti.

Questo dolce ha una consistenza particolare che fa pensare a delle caramelle gommose immerse nella crema setosa di un budino.

Potete dare un twist alla ricetta accompagnandola con una piccola brunoise di frutti esotici freschi come per esempio del mango, dell’ananas o della goyaba. 

Personalmente ho deciso di servirlo senza nessuna aggiunta, solamente con una leggera grattugiata di lime e delle foglioline di menta fresca.

Le perle di tapioca si possono trovare in negozi alimentari etnici o in supermercati bio.

Trucco da chef:

Per evitare di rovinare il vostro pentolino e per impedire che il composto si incolli al fondo, continuate a mescolare per tutta la durata della cottura con una marisa o leccapentole. Utilizzando questo tipo di utensile non rischierete di graffiare il fondo e allo stesso tempo impedirete che vi si attacchi il composto.

Camilla Rubino