La Madrina e il Presidente

Pedro e Monica apriranno il festival del cinema il prossimo 17 maggio.

Ancora una volta i francesi scelgono un’italiana, anzi l’italiana per eccellenza. La donna che nel 2004 fu eletta, dagli stessi francesi, come la plus belle femme du monde. Monica Bellucci è stata nominata madrina della 70esima edizione del Festival di Cannes. Non è la prima volta che la Beauty Queen calca il red carpet della Croisette.  Dal 2000, quando arrivò a Cannes per Suspicion di Stephen Hopkins, e poi nel 2003 in cui fu scelta per la prima volta come madrina, fino al 2006 quando diventò membro della giuria presidiata da Wong Kar-wai.

Che, dopo il matrimonio con Vincent Cassell nel ’99, la Bellucci fosse stata (furtivamente) inglobata al popolo d’Oltralpe, si sapeva già. Ma con la nomina di madrina in questa edizione del Festival del cinema francese, si sancisce il rapporto di stima reciproca che l’attrice ha con questo paese. E sulla scia di Monica Bellucci, o Carla Bruni Sarcozy, o Claudia Cardinale, si riconferma l’antica verità che nemo propheta in patria e che il paese francofono continua a esalare il suo fioco, ma costante fascino. 

Al fianco della Venere italiana non poteva che esserci un’altra colonna portante del cinema a livello mondiale: il due volte Premio Oscar Pedro Almodovar. Già presente nel 1992 come membro della giuria guidata da Gerard Depardieu, il cineasta spagnolo è stato scelto come presidente della giuria del 70esimo Festival di Cannes. 

Più volte l’abbiamo visto concorrere alla Croisette con i suoi grandi successi, come La Mala Educaciòn (2004), o Volver (2006), o il recente Julieta (2016). E, nonostante abbia vinto due volte l’Academy Award (per Tutto su mia madre (1999) e Parla con lei (2002) ), non ha mai portato a casa la Palma d’oro. Ha ricevuto due volte il riconoscimento per la regia e la sceneggiatura originale e ben quattro volte la nomination per il miglior film. Ironia della sorte, quest’anno lo vedremo presenziare alla giuria di quello stesso festival a cui Almodovar si è tanto dedicato e che mai (per il momento) gli ha mai riconosciuto lo straordinario genio dei suoi capolavori. 

Due giganti, artisti eclettici, misteriosi, intriganti, brillanti, profondi, dalle intimità tormentate. Monica Bellucci e Pedro Almodovar. La bella e la bestia. Due firme del cinema contemporaneo che renderanno questo 70esimo Festival di Cannes unico.

Alessandro Milzoni

DOCU_GRUPO Spanish director Almodovar attends the Museum of Modern art's fourth annual Film Benefit in New York monica bellucci